Siamo pronti a consegnare in tutta Italia con trasporto refrigerato e chiamata di preavviso. Il meglio del biologico certificato direttamente a casa tua.
AVVISO COVID-19
Vi ringraziamo per il vostro interesse.


Tutti i nuovi ordini pervenuti entro il venerdì alle ore 11
verranno evasi a partire dal lunedì successivo


Vi invitiamo a visitare regolarmente la pagina per nuovi aggiornamenti.

Andrà tutto bene!
Miglio decorticato Visualizza ingrandito

Miglio decorticato bio 250 GR MARCHIO BLIFE

41010

Nuovo prodotto

Miglio decorticato biologico

Il miglio biologico decorticato può essere utilizzato in cucina come ingrediente in zuppe miste di cereali e/o legumi, oppure può essere fatto bollire per realizzare una polenta grossolana. Si presta molto bene alla preparazione di polpette, sformati e crocchette per la sua facilità nell’addensare senza bisogno di aggiungere altri leganti.

 

Maggiori dettagli

2,90 €

Scheda tecnica

Peso250 g
OrigineItalia
Ente CertificatoreBioagricert S.r.l.

Dettagli

INGREDIENTI: miglio da agricoltura biologica.

 

VALORI NUTRIZIONALI (per 100 gr.): 

kcal: 360

Grassi: 4,2 gr

Carboidrati: 74,1 gr

Proteine: 11 gr

Fibre: 3,1 gr

Acqua: 12,6 gr

CARATTERISTICHE

Il miglio decorticato biologico è fonte di minerali quali potassio, fosforo, magnesio, manganese, calcio e rame.

Contiene buone quantità di vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B5 e B6), vitamina E e vitamina K.

 

USI IN CUCINA 

Il miglio biologico decorticato (cioè privato della parte esterna non digeribile dall’organismo) si presenta in chicchi molto piccoli, tondi e di colore giallo. Può essere utilizzato in cucina come ingrediente in zuppe miste di cereali e/o legumi, oppure può essere fatto bollire per realizzare una polenta grossolana. Si presta molto bene alla preparazione di polpette, sformati e crocchette per la sua facilità nell’addensare senza bisogno di aggiungere altri leganti.
E’possibile trovare il miglio anche sotto forma di farina e fiocchi, utilissimi per preparare creme e pappe per bimbi.

   

CURIOSITA’

Le origini del miglio risalgono all’epoca preistorica in diverse zone dell’Asia e dell’Europa. In Italia sono state ritrovate tracce di questo cereale in alcune tombe del periodo Neolitico.

Grazie alla sua capacità di lunga conservazione era un cereale molto utilizzato nel Medioevo durante i periodi di astinenza dalla carne e nei periodi di gravi difficoltà di sussistenza. Un esempio documentato risale al 1378, quando Venezia, assediata dai genovesi, si salvò grazie al miglio conservato nei suoi magazzini.

Secondo alcune scuole di pensiero, il miglio è l’unico cereale alcalinizzante per l’organismo. Non a caso è uno degli alimenti principali dell’alimentazione degli Hunza, una popolazione che vive all’interno di una valle sulla catena Himalayana e che è considerata la più longeva della Terra.