Siamo pronti a consegnare in tutta Italia con trasporto refrigerato e chiamata di preavviso. Il meglio del biologico certificato direttamente a casa tua.
AVVISO COVID-19
Vi ringraziamo per il vostro interesse.


Tutti i nuovi ordini pervenuti entro il venerdì alle ore 11
verranno evasi a partire dal lunedì successivo


Vi invitiamo a visitare regolarmente la pagina per nuovi aggiornamenti.

Andrà tutto bene!
Semi di zucca Visualizza ingrandito

Semi di zucca bio 200 gr MARCHIO BLIFE

41200

Nuovo prodotto

I semi di zucca biologici possono essere consumati crudi oppure leggermente tostati in padella o nel forno. Ottimi al naturale come snack energetico e salutare, possono essere aggiunti nelle insalate, nell’impasto del pane o per arricchire in superficie pane e focacce.  Si abbinano bene anche ai risotti, ai quali conferiscono una particolare croccantezza.

Maggiori dettagli

2,36 €

Scheda tecnica

Peso200 g
OrigineCina
Ente CertificatoreBioagricert S.r.l.

Dettagli

Semi di zucca da agricoltura biologica.

  

VALORI NUTRIZIONALI (per 100 gr.): 

kcal: 559

Grassi: 49,05 gr

Carboidrati: 10,7 gr

Proteine: 30,23 gr

Fibre: 6 gr

Acqua: 5,23 gr

CARATTERISTICHE

Sono fonte di minerali quali ferro, fosforo, potassio e magnesio.

Contengono buone quantità di vitamina E, vitamine del gruppo B, vitamina C e vitamina K.

 

USI IN CUCINA 

I semi di zucca biologici possono essere consumati crudi oppure leggermente tostati in padella o nel forno. Ottimi al naturale come snack energetico e salutare, possono essere aggiunti nelle insalate, nell’impasto del pane o per arricchire in superficie pane e focacce.  Si abbinano bene anche ai risotti, ai quali conferiscono una particolare croccantezza.

Facendo cuocere i semi di zucca in acqua o latte si ottiene invece un decotto, dal sapore simile all’orzata, utile a combattere l’insonnia e a lenire le infiammazioni della vescica.

  

CURIOSITA’

Le proprietà dei semi di zucca erano già note in tempi antichi, dato che in Messico sono stati ritrovati semi di zucca risalenti a 6.000 anni prima di Cristo. Oltre che in ambito alimentare, la zucca veniva utilizzata un tempo anche come contenitore per il latte, il sale o i cereali, ricavandone inoltre piatti, ciotole e cucchiai.

Dalla spremitura a freddo dei semi di zucca tostati si ottiene un olio molto prelibato con proprietà antiossidanti. Tale olio costituisce una specialità culinaria tradizionale di alcune regioni austriache, tedesche e ungheresi, ed è tutelato dall’Unione Europea attraverso il marchio IGP, Indicazione Geografica Protetta.

Dal punto di vista etimologico, la parola zucca nasce dal latino cucutia (in Italia meridionale la zucca viene chiamata anche “cucuzza”); altre ipotesi sostengono che deriverebbe dal latino tucca che significa “testa”; spesso la zucca è infatti sinonimo scherzoso di “capo”.