Siamo pronti a consegnare in tutta Italia con trasporto refrigerato e chiamata di preavviso. Il meglio del biologico certificato direttamente a casa tua.
AVVISO COVID-19
Vi ringraziamo per il vostro interesse.


Tutti i nuovi ordini pervenuti entro il venerdì alle ore 11
verranno evasi a partire dal lunedì successivo


Vi invitiamo a visitare regolarmente la pagina per nuovi aggiornamenti.

Andrà tutto bene!
Pomodori secchi Visualizza ingrandito

Pomodori secchi bio 250 GR

40450

Nuovo prodotto

I pomodori secchi biologici sono ottimi se consumati come stuzzichini o antipasti, da servire ad esempio su fette di pane casereccio con aglio ed olio extravergine di oliva, oppure trovano largo uso come condimento di primi piatti. Possono anche essere aggiunti alle insalate di riso e pasta o di sole verdure.


Maggiori dettagli

5,06 €

Scheda tecnica

Peso200 gr - MARCHIO La Boutique del Biologico
OrigineFrancia
Ente CertificatoreBioagricert S.r.l.

Dettagli

INGREDIENTI: pomodori da agricoltura biologica.

 

VALORI NUTRIZIONALI (per 100 gr.):

kcal: 258

Grassi: 2,97 gr

Carboidrati: 55,8 gr

Proteine: 14,10 gr

Fibre: 12,4 gr

Acqua: 14,7 gr

PROPRIETA’

I pomodori secchi contengono licopenepotassio, luteina e zeaxantina e buone quantità di vitamina A, vitamina Bvitamina C, vitamina E, fosforo, ferro e magnesio.

 

USI IN CUCINA

I pomodori secchi biologici sono ottimi se consumati come stuzzichini o antipasti, da servire ad esempio su fette di pane casereccio con aglio ed olio extravergine di oliva, oppure trovano largo uso come condimento di primi piatti. In questo caso possono essere abbinati ad altri ingredienti per realizzare un sugo, oppure mixati con pinoli e spezie per ottenere un pesto di pomodorini. Possono anche essere aggiunti alle insalate di riso e pasta o di sole verdure.

Prima di utilizzarli nelle preparazioni, è consigliabile reidratarli in acqua e aceto per un’ora circa e poi sciacquarli sotto l’acqua corrente.  

  

CURIOSITA’

Il pomodoro trova la sua origine in America Centrale e Meridionale, nella zona compresa tra il Messico e Perù, dove veniva coltivato dagli Aztechi già tremila anni prima dell’arrivo dei conquistadores nel continente. La pianta produceva in origine piccole bacche di colore giallo a forma di ciliegia. Fu importato in Europa per la prima volta verso la metà del XVI secolo, ed inizialmente venne utilizzato solo a scopo ornamentale. La  sua commestibilità venne riconosciuta soltanto a partire dal Settecento.

Il termine “pomodoro” è frutto di una fusione del termine arcaico “pomo d’oro”. Alla bacca vennero attribuite proprietà afrodisiache, tanto che nelle diverse lingue europee si ritrovano le espressioni: love apple, Liebesapfel, pomme d’amour, e in Sicilia pumu d’amuri.

Nonostante per il suo utilizzo il pomodoro venga considerato una verdura, esso è in realtà un frutto ed appartiene alla famiglia delle Solanacee della quale fanno parte anche la patata, il peperone e la melanzana.