Siamo pronti a consegnare in tutta Italia con trasporto refrigerato e chiamata di preavviso. Il meglio del biologico certificato direttamente a casa tua.
AVVISO COVID-19
Vi ringraziamo per il vostro interesse.


Tutti i nuovi ordini pervenuti entro il venerdì alle ore 11
verranno evasi a partire dal lunedì successivo


Vi invitiamo a visitare regolarmente la pagina per nuovi aggiornamenti.

Andrà tutto bene!
Fichi secchi bio 500g Visualizza ingrandito

Fichi secchi bio 500 gr MARCHIO BLIFE

40181

Nuovo prodotto

Fichi secchi da agricoltura biologica, certificato a nostro marchio Blife, in confezione da 500gr

Maggiori dettagli

6,73 €

Scheda tecnica

Peso500g
OrigineTurchia
Ente CertificatoreBioagricert S.r.l.

Dettagli

INGREDIENTI: fichi secchi da agricoltura biologica.

 

VALORI NUTRIZIONALI (per 100 gr.)

kcal: 253

Grassi: 2,4 gr

Carboidrati:  58 gr

Proteine:  3,5 gr

Fibre: 10,4  gr

Acqua: 19,4 gr

PROPRIETA’ 

Contengono vitamina A in abbinamento a potassioferro, calcio e fibre.

Sono fonte di minerali quali sodiofosforomagnesiorame, zinco e selenio.

Contengono vitamine del gruppo Bvitamina Cvitamina Evitamina K e acidi grassi Omega 3 e Omega 6.

 

USI IN CUCINA

Molto gustosi ed energetici se consumati come snack, i fichi secchi biologici sono ottimi anche per la colazione, in aggiunta ai cereali o allo yogurt. Si abbinano molto bene con i formaggi, oppure con il tofu o con altri tipi di formaggio crudo a base di noci e semi. Si prestano inoltre alla preparazione di dolci assieme ad altra frutta secca come albicocche, datteri e prugne secche.

E’ consigliabile conservare i fichi secchi in luogo asciutto in un barattolo chiuso o in una busta per alimenti.

 

CURIOSITA’ 

Testimonianze della coltivazione del fico si hanno fin dalle prime civiltà agricole di MesopotamiaPalestina ed Egitto, da cui si diffuse successivamente in tutto il bacino del Mediterraneo.

Il fico è uno dei frutti biblici più importanti, a partire dalla Genesi, dove si racconta che Adamo ed Eva, dopo il peccato originale, cercarono rifugio sotto un fico e coprirono le loro nudità con le sue foglie.

Il filosofo Platone, essendo un grande estimatore dei fichi, venne soprannominato “mangiatore di fichi”. Inoltre egli sosteneva che cibarsi di fichi contribuiva ad accrescere l’intelligenza.

Romani pensavano invece che mangiare i fichi “aumentasse la forza dei giovani, migliorasse la salute dei vecchi e che addirittura avesse l’effetto di ridurre le rughe!”.

I fichi sono da sempre associati a fecondità e abbondanza: l’offerta di un cesto di fichi rappresenta in tutto il mondo un gesto bene augurante di prosperità e benessere.

Leggenda della nonna: il decotto di fichi secchi ha un’azione lenitiva nei confronti degli attacchi di tosse.